Gertrude Bell, madre e regina del deserto (1^ parte) | Francisco Soriano

Argonline pubblica, suddiviso in 3 parti, lo studio di Francisco Soriano su Gertrude Bell: straordinaria archeologa ed esploratrice, vissuta tra fine Ottocento e inizio Novecento.

Gertrude Bell, madre e regina del deserto (1^ parte)

Gertrude Bell è un personaggio storico di ineguagliabile grandezza per la sua vita professionale, politica ed esistenziale. Per i beduini del deserto, miss Bell era khatun, ossia “la regina del deserto”, oppure umm al muminin, “la madre dei fedeli”; per altri fu semplicemente “la terribile archeologa” o l’agente dei servizi segreti della Corona britannica.

Winston Churchill in persona pretese la presenza di Gertrude Bell alla Conferenza del Cairo del 1921: fu grazie all’intervento dell’archeologa che venne promossa l’istituzione degli Stati della Transgiordania e dell’Iraq, da affidare ai sovrani Abd Allah e Faysal. In una lettera da Bagdad, indirizzata al padre, il 4 dicembre del 1921, Gertrude Bell scrisse testualmente: «ho bene impiegato l’intera mattina in ufficio a disegnare sulla carta geografica il confine meridionale del deserto iracheno». Niente di favolistico e millantatorio, ma reale potere e autorità da parte della Bell di disegnare l’Iraq moderno dopo aver convinto proprio Churchill, insieme a Lawrence d’Arabia, che era necessario fare della Mesopotamia uno Stato indipendente e satellite della corona britannica, così com’era nello stile di quei tempi. Ma prima di tutto questo, Gertrude Bell fu una donna di assoluto rilievo nel panorama culturale e artistico dell’epoca.

Il suo approccio con il Medio Oriente comincia con lo studio del farsi, la lingua persiana. Questa passione si consolida e si realizza quando uno zio, Sir Frank Lascelles, venne nominato ambasciatore a Teheran, nel 1892. La Bell lasciò l’Inghilterra e cominciò a viaggiare in Persia, descrivendo lucidamente, con una scrittura impeccabile, le sue visioni iraniche, nel libro Persian Pictures.

La straordinaria archeologa nacque nel 1868, a Washington Hall, da una famiglia benestante di industriali dell’acciaio e all’età di sedici anni frequentò il Lady Margaret Hall di Oxford, diplomandosi brillantemente in materie storiche in soli due anni. Dopo essere stata in Persia, nel 1899, si mise a viaggiare senza sosta in Palestina, Siria e un anno dopo si trasferì a Gerusalemme. Nel suo incessante vagabondare intrattenne rapporti di amicizia con i drusi e altre tribù autoctone, almeno fino al 1905; i racconti dei suoi viaggi, insieme alla sete di apprendere e scoprire in tutto il mondo arabo rovine e sontuose civiltà, vennero in parte raccolti in alcune sue incredibili riflessioni nel famoso libro Desert and Sown, del 1907.

Quelle terre dal confine culturale non così distante dal nostro -non solo geograficamente parlando- seducono la scrittrice che tenta di capirne dinamiche, variabili e antagonisti. Nel primo capitolo del libro, la Bell descrive le sue percezioni sulle terre d’Oriente: «da soli ci si deve avventurare in quel mondo, via dalla massa di amici che camminano tra roseti senza spine. Spogliati dei panni elaborati e raffinati che ostacolano la lotta». Inoltre, sorprende la sua opera fotografica: documenti indelebili e approfonditi della Siria ottomana, delle città di Damasco, Beirut, Antiochia, Alessandretta e dei vari deserti arabi, affascinanti e sconosciuti (la School of Historical Study della Newcastle University custodisce settemila suoi scatti). In Turchia, la Bell collaborò con il grande biblista Sir William M. Ramsay e i loro scavi furono documentati nell’opera A Thousand and One Church, oggi reperobile solo in lingua madre presso esperti del settore o biblioteche importanti. In questa ossessiva operazione di ricerca e di studio, Gertrude Bell raggiunse il cuore della Mesopotamia, civiltà delle civiltà, fino alla città ittita di Carchemish, ridisegnando mappe e confini e studiando profondamente il sito preislamico di Ukhaydir. È a Carchemish che incontra per la prima volta Lawrence d’Arabia. Nella lunga lista delle sue peregrinazioni e studi, risaltano le città di Babilonia e Najaf, quest’ultima importantissima e strategica nell’attuale Iraq.

Gertrude Bell era in grado di comunicare e scrivere in modo fluente in arabo, persiano, turco, francese, tedesco e italiano. Tradusse in inglese alcune liriche del grande poeta persiano Hafez e scrisse un saggio di comparazione tra quest’ultimo e poeti occidentali, quali Dante e il suo contemporaneo Goethe, ricevendo entusiastiche recensioni critiche e letterarie. Quando cominciò la Prima Guerra mondiale, la richiesta della Bell di essere operativa nel Vicino Oriente fu scartata e quindi scelse di diventare volontaria per la Croce Rossa in Francia. Nonostante ciò, le sue qualità e le conoscenze profondissime sul Medioriente non potevano lasciare insensibili gli addetti ai lavori. Nel 1915, venne convocata, come esperta, al Cairo dall’Arab Bureau, ufficio diretto dal generale Gilbert Clayton in cui operava anche il mito vivente Lawrence d’Arabia. A Miss Bell fu affidato il compito di collaborare con il comandante David Hogarth nella delicata funzione di organizzare il servizio di informazioni sulle attività delle varie tribù arabe, al fine di “predisporre le ostilità” a danno degli ottomani e per coordinare le dovute alleanze in quell’area, qualora ce ne fosse stato bisogno. Fu il generale Clayton che pensò bene di inviarla a Bassora, dove le truppe britanniche vi risiedevano dopo averla conquistata, per dare consigli e suggerimenti al funzionario Percy Cox. Non c’era occidentale sulla faccia della terra che conoscesse quell’area come Gertrude Bell. Fu lei stessa a predisporre le carte topografiche affinché l’esercito, nel 1916, raggiungesse in discreta sicurezza Bagdad. Fu dunque la prima donna con l’incarico di “ufficiale di collegamento” al Cairo nell’Arab Bureau e di consigliera sul campo di Harry St. John Philby. Nel 1917 gli inglesi conquistarono Bagdad e Gertrude Bell fu Segretaria orientale nell’entourage di Percy Cox. Lei stessa fu voluta, come già detto, nella ristrettissima cerchia di orientalisti convocati da Winston Churchill per dare il suo inestimabile contributo alla Conferenza del Cairo del 1921, che discuteva di rilevanti questioni geopolitiche nei mandati post-bellici. In realtà, Churchill era stato Lord dell’Ammiragliato e nella sua funzione aveva intelligentemente deciso che la flotta britannica dovesse passare dal carbone alla nafta. Dopo la Grande Guerra, come Segretario delle Colonie, aveva pensato bene che una buona politica coloniale doveva concentrarsi sullo sfruttamento dei giacimenti petroliferi mediorientali, soprattutto nei distretti che furono turchi, prima della conquista britannica e poi “coordinare” le varie rivolte arabe di Bassora, Bagdad e Mosul. Furono proprio i consigli degli arabisti del tempo che fortificarono certe convinzioni in Churchill, inclusi quelli di Miss Bell.

Fu così che gli inglesi, potenza politica e militare indiscussa, decisero le sorti della Mesopotamia: disegnati i confini del nuovo stato, l’Iraq, il regno avrebbe avuto come regnante Faysal, figlio dello sceriffo hashemita della Mecca, nominato addirittura con un referendum popolare per dare una bella facciata di democrazia all’operazione studiata a tavolino dagli inglesi. Intanto, la Bell fu considerata per un po’ di tempo l’eminenza grigia del nuovo stato, ma il re Faysal, molto presto cominciò a eludere i controlli degli inglesi relegando la Bell a ruoli sempre più marginali. In quel frangente, o per scelta personale o per opportunità politiche, Lawrence d’Arabia si ritirò a vita privata in Inghilterra e la Bell tornò alle sue “antiche origini” di studiosa e al suo vero amore: l’archeologia. A Baghdad, col sostegno dal sovrano, fondò il Museo d’archeologia iracheno e una Scuola Britannica di Archeologia, per preparare esperti di scavi che avrebbero seguito le sue procedure e i suoi metodi. Faysal e il suo entourage furono disponibili e presenti in tutte le richieste di Gertrude Bell.

Per leggere la seconda parte clicca qui.

 

 

 

image_pdfimage_print