Stefano Sansoni, Cassius Clay (Carte d'imbarco 2006)

Si muove a scatti. Non ha bisogno della carica. Dell’adrenalina. È immobile, in movimento. È veloce come un tempo. L’ho visto, Cassisus Clay. È di fronte a me. Carne nerissima, l’occhio vispo. Sembra ancora danzare danzare DANZARE sul tappeto bianco del ring. Una giostra di idee. Il fruscio delle gambe. Ancora una volta. Un’altra. Se…

Continue reading →

Silvia Righini, Fenomenologia di una vendetta (vincitore Carte d'imbarco 2006)

Il Corpo Stringeva il telecomando con tale vigore che i suoi polpastrelli ora tendevano a un color latte di soia. La mano tremava in preda a uno zapping frenetico. Paolo aveva sempre avuto le mani fermissime. E un odio viscerale per la televisione. L’avevo conosciuto dieci anni prima. Quel giorno sui gradini della sala studio…

Continue reading →

L’utopia urbana di Electron Libre (di Valerio Cuccaroni, 2006)

Dopo sette anni di intensa e colorata vita al centro di Parigi, a novembre il celebre squat di rue de Rivoli 59 morirà, cioè perderà momentaneamente i suoi occupanti, gli artisti-squatters che gli hanno dato vita finora, per risorgere, rinnovato, nel 2008. Nato nel 1999 da una feconda irruzione del trio K.G.B., composto dallo scultore…

Continue reading →