Carlo D’Amicis, La battuta perfetta, Minimum Fax, 2010

Con La battuta perfetta di Carlo D’Amicis la narrativa corre finalmente in aiuto di una saggistica ancora ferma ai tempi in cui Aldo Grasso denunciò l’assenza di una storia dei programmi a fronte di un eccesso di dibattito ideologico attorno al mezzo televisivo in sé. Questa è senz’altro l’idea forte del romanzo, la sua ossatura: srotolando la…

Condividi

Continue reading →

Michele Monina, Milanabad, Castelvecchi, 2010

Un’incursione in un mondo ai margini, sulla strada, attraverso infrastrutture urbane e interstizi sociali. Michele Monina ci conduce nel mondo sotterraneo dell’Hip-Hop milanese, nella sub-cultura metropolitana che accoglie ragazzi come Marco (aka Pluto), protagonista di questo romanzo di formazione sui generis, orfano di padre, sfrattato, disilluso e privo di forti punti di riferimento: è la condizione…

Condividi

Continue reading →

Orso Tosco, I rancori esigenti del vecchio Mr. Rari – Racconto (2011)

«E poi appare l’immagine a rallentatore di un cazzo che viene infilato in un bicchiere pieno di panna montata.» «Dopo la Vergine Maria?» «Subito dopo» «E la gente?» «La gente che?» Silenzio. Mr. Rari resta in attesa, circondato da turisti di passaggio. Nulla. Silenzio. Allontana il telefono dall’orecchio, guarda il piccolo schermo stringendo gli occhi…

Condividi

Continue reading →

Metropolitan – Giù le mani dalla cultura (di Fabio Orecchini, 2011)

ROMA – Martedi 18 gennaio 2011, dopo un’assemblea organizzativa al Teatro Eliseo, a cui ho partecipato come rappresentante del movimento “Calpestare l’oblio”, assieme ai lavoratori e precari dello spettacolo, ricercatori e studenti, abbiamo occupato il Metropolitan, storico cinema nel cuore di Roma, al grido di “Giù le mani dalla cultura”. Attori e autori dell’audiovisivo e…

Condividi

Continue reading →