Press "Enter" to skip to content

John Cage. Una rivoluzione lunga cent’anni, a cura di Giacomo Fronzi (Mimesis Edizioni, 2013)

2013_al_di_la_della_musica_mimesis-189x3001912-2012. Il centenario della nascita di John Cage può essere un buon pretesto per rileggere e approfondire la figura e l’opera di uno dei personaggi più bizzarri, geniali e rivoluzionari della storia della cultura e della musica internazionali. Il volume propone un percorso che si dirama tra sentieri filosofici, estetologici, musicologici e sociologico-politici, senza trascurare l’intenso dialogo del compositore con il pensiero orientale, con il continente delle neoavanguardie musicali ed artistiche (statunitensi ed europee), e con il mondo della danza. Questo libro celebra un compositore dalle idee innovative, un uomo dalle accese passioni, dai molti amori musicali, letterari e intellettuali, e intende farlo “cageanamente”, ripercorrendone la vita, l’attività e le linee di pensiero senza barriere interdisciplinari. 

Il testo contiene contributi di Emanuele Arciuli, Alessandro Bertinetto, Franco Degrassi, Roberto Doati, Giacomo Fronzi, Enrico Fubini, Marco Gatto, Alessandro Giovannucci, Elio Grazioli, Elisa Guzzo Vaccarino, Erberto Lo Bue, Roberto Masotti, Heinz-Klaus Metzger, Stephen Piccolo, Emanuele Quinz, Fiorella Sassanelli; con un’intervista di Stephen Montague a John Cage, per la prima volta pubblicata integralmente in traduzione italiana.

Giacomo Fronzi (1981), laureato in Filosofia (Università di Lecce) e in Musicologia (Università “Ca’ Foscari” di Venezia), è dottore di ricerca in Etica e antropologia filosofica all’Università del Salento, dove collabora e svolge attività di ricerca presso la cattedra di Estetica. Si è diplomato in pianoforte presso il Conservatorio “T. Schipa” di Lecce. Si interessa prevalentemente di estetica contemporanea, estetica musicale e filosofia della musica. Oltre ad articoli e saggi su riviste nazionali ed internazionali, ha pubblicato i volumiEtica ed estetica della relazione (Milano 2009), Contaminazioni. Esperienze estetiche nella contemporaneità (Milano 2010), Theodor W. Adorno. Pensiero critico e musica (Milano 2011). È autore di Electrosound. Storia ed estetica della musica elettronica (Torino 2013).

 

Giacomo FronziJohn Cage. Una rivoluzione lunga cent’anni. Con un’intervista inedita (2013), Mimesis Edizioni, pp.486, 36 euro.

John Cage non possedeva uno stereo e avrebbe voluto fare il botanico. Sono alcune delle rivelazioni che il compositore rivoluzionario regala al pubblico in questa intervista, inedita in italiano, rilasciata nel 1982, anno in cui compiva 70 anni. Al di là dell’ironia che lo accompagna come il respiro, Cage si dilunga sul suo rapporto con la musica, con il silenzio e con le sue opere. Godibili, ma anche densi di significato, sono i piccoli aneddoti di vita quotidiana con cui c’intrattiene. Sapiente è la capacità dell’intervistatore nel riprendere i tanti spunti di un eloquio fluente e immaginifico. Un libro in cui sembra di riascoltare la musica di Cage e il suo silenzio, in un’altra delle tante possibili lingue dell’animo.

John Cage (1912-1992) compositore statunitense di fama mondiale, grande innovatore della musica contemporanea, è stato allievo di Adolph Weiss e di Arnold Schoenberg che accortosi del suo talento gli dava lezioni gratuitamente. Si dedica completamente alla musica a partire dal 1931. Ha lasciato composizioni uniche, talvolta radicali, e, soprattutto, ci ha consegnato in eredità una nuova e rivoluzionaria visione della musica, della sua creazione e del suo ascolto.

Cage, Al di là della musica (2013), introduzione di Giacomo Fronzi, intervista a cura di Stephen Montague, traduzione di Caterina Colomba,  Mimesis Edizioni, pp.53, 4.90 euro

 

Argo – redazione musica

         

Condividi