Press "Enter" to skip to content

Paper Concerto, Tan Dun, Opus Arte, 2009

paperlKXL-354x350Cresciuto in un piccolo villaggio della Cina, nella provincia dello Hunan, fino alla fine della Rivoluzione culturale Tan Dun non ebbe mai la possibilità di ascoltare musica colta occidentale. Prima di allora le sue conoscenze musicali erano strettamente legate alla tradizione e ai riti sciamanici, il compositore stesso lavorò per due anni in una risaia assimilando i canti dei contadini durante il lavoro nei campi. A quel tempo una delle più grandi passioni di Tan Dun erano gli origami musicali. Attraverso la carta  gli sciamani del villaggio producevano qualunque tipo di suono, generando una musica per la resurrezione, per l’incarnazione, per la speranza, per la prossima vita, suoni legati alla nascita e alla morte, fischiando, strappando e facendo scoppiare fogli di carta. 

La carta si otteneva pressando in fogli sottili il bambù, che dopo essere stato raccolto veniva spezzato e lavato, dopodiché lo si metteva ad asciugare al fuoco fino ad ottenere un foglio di carta. Oggi nei villaggi le persone non producono più musica con la carta o con l’acqua, le nuove generazioni hanno dimenticato questi riti. Tan Dun li tiene in vita attraverso le sue composizioni, lasciando che la tradizione diventi un fulcro di ispirazione. Paper Concerto for paper percussion and orchestra fa parte della trilogia dei concerti di musica organica, ovvero Water ConcertoPaper Concerto e Ceramic Concerto. Commissionato dalla Los Angeles Philharmonic Orchestra per l’apertura della Walt Disney Hall, Water Concerto è stato presentato sotto la direzione di Esa-Pekka Salonen. Si divide in quattro movimenti: Adagio sensibileAllegro scherzoImpetuosoAndante grazioso – Festivo. Seguendo i ricordi della sua infanzia, per questo lavoro Tan Dun ha creato circa cinquanta tipi di suoni differenti prodotti con la carta, selezionati e abbinati ai colori orchestrali della tradizione europea. Come uno sciamano, Tan Dun riproduce con la carta qualsiasi colore e qualsiasi parola, qualunque sussurro e qualunque strano modo di parlare, perfino ciò che non è possibile esprimere in nessuna lingua parlata. Il concerto è stato registrato dal vivo alla Stockholm Concert Hall l’8 novembre 2007, sotto la direzione dello stesso Tan Dun.

Paolo Tarsi

Condividi