Press "Enter" to skip to content

"Voce come soffio, voce come gesto. Atti delle due giornate internazionali di studi. Omaggio a Michiko Hirayama", a cura di Daniela Tortora (Aracne Editrice, 2008)

9788854821033-115x150Voce come soffio, voce come gesto è il titolo evocativo scelto per le due giornate internazionali di studi svoltesi a Roma presso l’Università “Sapienza” nel giugno 2003 e dedicate al soprano giapponese Michiko Hirayama (Tokyo 1923) nel compimento dei suoi ottant’anni e degli oltre cinquanta di attività artistica nel mondo della musica contemporanea e d’avanguardia.

L’intera manifestazione è stata patrocinata dalle Facoltà di Scienze Umanistiche e di Studi Orientali del primo ateneo romano, nonché dall’Istituto Giapponese di Cultura di Roma, e realizzata grazie al contributo della Fondazione “Isabella Scelsi” di Roma (sostenitrice anche della pubblicazione qui in oggetto) e alla collaborazione del Goethe-Institut Rom.Allo svolgimento delle due giornate hanno preso parte autorevoli studiosi (Bologna, Lux, Matthiae), musicologi (Anderson, Baroni, Carapezza, Castanet, Dalmonte, Mastropietro, Sestili, Stoianova), musicisti e artisti vari, nonché allievi amici e sodali dell’interprete (Bortolotti, Coen, Curran, Di Scipio, Kahowez, Martinis, Moricone), che hanno voluto dedicarle le proprie ricerche e/o la propria testimonianza.L’esperienza della voce e della vocalità in ambito contemporaneo, nella cultura occidentale e in quella orientale, nel teatro musicale, nelle sue infinite vibrazioni tra respiro e corpo, riconferma qui il proprio ruolo cruciale e contribuisce a ridisegnare nel dibattito fra studiosi musicisti e musicofili i fondamenti della musica d’avanguardia.Daniela Tortora è titolare della cattedra di Storia ed estetica della musica presso il Conservatorio “San Pietro a Majella” di Napoli e professore a contratto per l’insegnamento di Storia della musica contemporanea e d’avanguardia presso la Facoltà di Scienze Umanistiche dell’Università di Roma “Sapienza”. È responsabile dell’Archivio storico della musica contemporanea del Museo Laboratorio di Arte Contemporanea della medesima Università. Ha al suo attivo studi e ricerche sull’opera italiana del primo Ottocento, sul teatro musicale del Novecento e sulla musica d’avanguardia del secondo dopoguerra.

 

Argo – Redazione musica

         

Condividi