Un’astronave tra i libri | di Albion Sefa

Un sabato, non sapendo cosa fare e non avendo nessun impegno né compito per il giorno seguente, mi sono messo a trafficare nel portadocumenti, alla ricerca degli appunti di matematica. Per caso ho ritrovato la tessera della Biblioteca comunale, che avevo preso un mese prima, quando eravamo stati là, in visita, assieme a due professoresse e al resto della classe.
La prima volta che sono andato in Biblioteca mi sono stupito, dal momento che non ero mai entrato in un posto simile, così pieno di libri. A casa ho qualche libro che ho comprato nella libreria in centro, in corso Garibaldi, ma non ne avevo mai visti così tanti, tutti insieme. Passeggiando tra gli scaffali, alla ricerca di qualcosa da leggere, ho trovato un libro con in copertina un’astronave aliena, un UFO. Il libro era intitolato Guida galattica per gli autostoppisti, titolo che avevo già visto citato nell’antologia scolastica, dove c’era un brano, estratto da quest’opera di fantascienza, che avevo letto per conto mio.
Presi in prestito il romanzo e lo portai a casa. Il giorno dopo l’ho iniziato a leggere e in sei giorni l’ho finito, meravigliato dal poco tempo impiegato. Tornai in Biblioteca da solo per restituire il libro. Non presi altri romanzi quel giorno, ma dopo dieci giorni ero di nuovo lì per prendere in prestito e leggere un nuovo libro. Scelsi Harry Potter e l’Ordine della Fenice. Poi ancora, dopo due settimane, Harry Potter e il Principe Mezzosangue. Poi Harry Potter e i Doni della Morte. Vicino alla quella di Harry Potter ho trovato un’altra saga fantasy, di cui avevo sentito parlare. Così presi Percy Jackson e gli Dei dell’Olimpo, Il mare di mostri e La maledizione del titano. In Biblioteca ho preso in prestito anche dei libri consigliati dalla professoressa di italiano.
Prima leggevo molto poco, solamente qualche libro, di grandezza veramente ridotta, poi ho cominciato a leggere anche libri abbastanza grandi, dalle cinquecento alle ottocento pagine complessive, di cui in alcuni casi non avevo mai sentito parlare, come Storia di una ladra di libri di Markus Zusak, Moby Dick di Herman Melville e L’inventore di sogni di Ian McEwan. Inoltre, da quando ho iniziato a leggere sistematicamente, anche il mio linguaggio è cambiato molto, nel senso che ho imparato un sacco di nuove  parole ed espressioni.
Uno dei libri che mi ha maggiormente colpito è L’amico ritrovato di Fred Uhlman: ambientato nella Germania nazista, narra dell’amicizia che nasce tra due ragazzi apparentemente simili, ma di origini profondamente diverse; il protagonista, infatti, è figlio di un uomo di origini ebree, mentre l’altro è di discendenza nobile e di razza ariana. È un libro bello che parla di un legame tra adolescenti, che avrebbero avuto tutto per essere felici, proprio come noi, ma furono divisi per sempre dal razzismo e dalla guerra.
In conclusione, la scoperta della biblioteca è stata fondamentale per me, sia dal punto di vista istruttivo, in quanto mi ha permesso di ampliare il mio bagaglio linguistico, sia dal punto di vista culturale, visto che i libri, in forma fantastica e realistica, ci parlano della vita quotidiana, di tutti noi.

image_pdfimage_print
Condividi