Press "Enter" to skip to content

Alfredo Panetta

Alfredo Panetta è nato nel 1962 a Locri (Reggio Calabria), e vive dal 1981 a Milano dove svolge l’attività di artigiano nel settore infissi in alluminio. Nel 2003 una sua silloge di dieci liriche è stata inserita nell’antologia I luoghi del desiderio (Edizioni Libreria Bocca, MI). Nel 2005 ha pubblicato Petri ‘i limiti (Pietre di confine, Moretti&Vitali, BG) con cui ha vinto diversi premi. A marzo 2011 è uscito il suo secondo lavoro: Na folia nt’è falacchi (Un nido nel fango, Edizioni CFR, SO), Premio F. Fortini. Ha coordinato un laboratorio di scrittura creativa e presiede a Corsico (MI) un concorso di poesia per studenti.

da Petri ‘i limiti
POVARI
Mi mandaru ‘i ja via du “Trubbulu”
a cogghjiri agulivi, jà m’agustai
na murra ‘i povari chi si stuja ‘u culu
cu palori e frundi d’abbruvera.
Povaru esti sulu, mi dissi unu d’iji
cu si spara pugnetti c’a sidura ‘i sò pà
e dassa mpurriri sonnura
e gudeja nta potiha du zziu Mi.
Po’ nci vitti mentiri i mani nta fissa
d’a fimmana cchjiù beja, tirà fora
nu panaru chjinu ‘i giarasa, favi, poseja
fica calijati, cujuri ‘i pani e vinu ‘i Cirò.
Nto ntramenti na nivulata randi
calà nto letthu d’a xumara;
pigghjia! mi dissi ‘u bonomu
mi ringrazzii doppu, nta nchjianata.
POVERI Mi hanno mandato sull’altra riva del “Torbido”/ a raccogliere olive, lì ho visto/ un gruppo di poveri pulirsi il culo/ con parole e foglie di brughiera.// Povero è soltanto, mi disse uno di loro/ chi si masturba col sudore di suo padre/ e lascia marcire sogni/ e budella nell’osteria di zio Mi.// Poi gli vidi mettere le mani nella vagina/ della donna più bella, estrarre/ una cesta piena di ciliegie, fave, piselli/ fichi secchi, ruote di pane e vino di Cirò.// Intanto scese un nuvolone/ sul letto della fiumara;/ prendi! mi disse l’uomo/ mi ringrazierai dopo, durante la salita.
         

image_pdfimage_print
Condividi