Press "Enter" to skip to content

All’insegna della sperimentazione in Giappone. Kyoto Experiment 2014 ⎪Daniela Shalom Vagata

Tra gli estremi di settembre e di ottobre, per la durata di un mese, è quasi un dovere seguire tutti gli spettacoli di Kyoto International Performing Arts Festival, Kyoto Esperiment, e magari assistere anche agli eventi e ai laboratori del contemporaneo fringe festival. Giunto alla sua quinta edizione, Kyoto Experiment 2014 non ha deluso: una sperimentazione estrema delle arti performative che forza il suo pubblico, spesso pigro e privo di visioni politiche, a guardare la realtà al di là della cortina di pregiudizi e di rigidità sociali: a cercare un autre che significa dubbio e crisi, ma anche gioia, condivisione e spontaneità.
Corpo come nuvoli di gesti che fioriscono: Maneries, il titolo dell’ultimo lavoro Luis Garay, coreografo colombiano di base a Buenos Aires, viene da manare che, come proposto da Giorgio Agamben, vuol dire “l’essere nella sua sorgività”. Musica che scandisce i movimenti. Movimenti che a loro volta dettano la musica, rallentandone, o accelerandone il ritmo. I gesti che scaturiscono dal corpo nudo della ballerina sono una sintassi multipla di ripetizioni e di variazioni. Attraverso mutazioni impercettibili di movimenti si giunge a un grado di altissima tensione fino a un’esplosione di forme e di segni che costantemente creano e distruggono il loro significato. La tensione fa da ponte a Mental Activity, il secondo spettacolo di Garay presentato al festival, tutto giocato sul concetto che gli oggetti sparsi sulla scena possano essere un’estensione del corpo dei ballerini, alla maniera delle opere di Rebecca Horn. E come da nuvoli fioriti sbocciano le parole degli attori della compagnia teatrale Chiten. Parole senza senso, sillabate, che formano una lingua fondata sul fonema e sul movimento, regolata dalla sintassi del ritmo del suono e del gesto. Ma è la danza, nelle sue numerose manifestazioni, spesso confinante con il teatro, a fare da padrona del festival. Passando in rassegna alcuni degli spettacoli di Kyoto Experiment 2014, ci si imbatte in House of Dance della newyorkese Tina Satter, la storia danzata e recitata di quattro ballerini di tip tap; in altered natives’ Say Yes To Another Excess – Twerk, dove il palcoscenico diventa un night club, e i ballerini una tribù urbana di selvaggi, persi in movimenti furiosi e provocanti, twerking appunto; o nella partita di “calcio-danza” dei Contact Gonzo, allo stadio cittadino. All’insegna di una rottura del sistema gerarchico insito nel noh e nel kabuki è proposto Sanninkichisa, il tecno- kabuki della compagnia Kinoshita Kabuki. E ancora, contro la censura e l’auto-centura, in una parola, contro il sistema, la piece teatrale del grottesco, luminescente, felliniano Tadasu Takamine. Japan Syndrome ∼ step3. “Outside of the ball”: la malattia del Giappone intesa come il problema irrisolto di Fukushima, le disparità sociali e di genere, la collusione tra media e governo, le frizioni con i paesi confinanti.
Gli spettacoli di Kyoto Experiment offrono uno spaccato dell’universo sperimentale della drammaturgia e coreografica mondiale, ma soprattutto la possibilità di compiere un viaggio conoscitivo e di maturazione. To travel is to live sono state le parole di augurio del sindaco di Kyoto che hanno accompagnato il festival, go toward the unknown aggiungeremmo noi.
http://kyoto-ex.jp/2014-eng/

Crediti fotografici:
Emile Zeizig: François Chaigneau & Cecilia Bengolea, TWERK

 

         

image_pdfimage_print
Condividi