Bidonville di Luigi Narni Mancinelli ⥀ Autopoetica

Presentiamo oggi il secondo contributo della rubrica Autopoetica, dedicata a testi inediti accompagnati da una dichiarazione di intenti e di critica da parte di chi scrive. È possibile segnalarsi inviando dei testi e una dichiarazione di autopoetica alla mail: autopoetica.argo@gmail.com

 

Bidonville è una poesia divisa in tre parti, scritta come denuncia di quanto visto e vissuto in presa diretta come esperienza di vita. Il richiamo esplicito nei versi è all’opera di Nanni Balestrini Le ballate della Signorina Richmond perché risuona lo stesso scontro tra la sinistra istituzionale e le minoranze marginalizzate, lì nella cacciata di Lama da parte della autonomia operaia e qui nel tentativo di sgombero della tendopoli con il ruolo attivo della sinistra. Il pezzo si conclude con la dedica a Becky Moses, donna nigeriana di 26 anni morta nella tendopoli di cui si racconta nel testo, uccisa dal razzismo di Stato che permea il nostro paese. L’uso del maiuscolo è posto in prevalenza per mostrare il dislivello di potere tra lo Stato e le comunità razzializzate.

(Luigi Narni Mancinelli)

 

 

Bidonville

1.

Tu non sei nero – mi sta berciando il tipo – tu non sei nero – sei bianco – sei bianco come IL PADRONE
.                 IL CAPORALE
.                                       IL SINDACALISTA
.                                                                 IL PRETE
.                                                                              IL COMPAGNO
Tu non sei nero – la voce sale dal ghetto del ghetto – tra la gente abitante della Bidonville – così come a Lagos e Nairobi a Reggio Calabria – quarto mondo enclave nel primo –

Tu non sei nero –mi sta intimando il Carabiniere – DOCUMENTI – ma io non sto facendo
NIENTE             niente
Cammino di lato al corteo – unico dalla pelle bianca – che va verso il municipio per chiedere questi DOCUMENTI
che solo io posseggo qui tra la gente della
Bidonville in marcia da secoli
verso una anagrafe che mi assevera
portatore di PRIVILEGIO N°AU5751391

Lui sta con noi – la folla circonda la macchina dei Carabinieri – è con noi
è con noi in marcia dalla Bidonville al comune – questo il mio altro privilegio –
di questa mattina bruciata dal sole rovente di Mezzogiorno della Calabria o della Nigeria –
me ne torno con un marchio impresso sulla pelle – E
la lezione di un popolo in marcia da secoli.

 

 

2.

Mi alzo nel cuore della notte – (non) ho dormito IN TENDA –
l’alba arriva sussurrando i canti dell’Imam
La moschea è qui nella tenda dietro la nostra dove fa caldo
si distendono tutti in preghiera aspettando l’arrivo della polizia
per un altro ordine di sgombero ancora
per disperdere la Bidonville
e farne un’altra nuova e ancora rubare i soldi e ancora
tenere chiuse le case destinate a chi lavora i campi
braccianti, sex workers, tuttƏ senza una casa e senza DOCUMENTI

ARRIVA all’alba la polizia circonda e chiude le uscite
li vedo distanti sono arrivati insieme
         I SINDACATI
.            LE ASSOCIAZIONI
.                I PARTITI DELLA SINISTRA
.                  I CENTRI SOCIALI
.                                                                                                sono proprio tutti lì CGIL e
USB
VENUTI QUI A DIALOGARE
.       PER EVITARE PROBLEMI E PROTESTE
.                                                                                               quanti soldi vi siete
intascati?
.                                                                                                          diteci dove sono le
case
     NON C’È RAGIONE DI RESTARE NELLA BIDONVILLE
                    ANDIAMO VENITE NELLA NUOVA STRUTTURA
.                                   PER VOI PREDISPOSTA
.                                                                                         nei contratti di lavoro ci sono
le
.                                                                                                      case
LE ASSOCIAZIONI ANTIRAZZISTE I CENTRI SOCIALI
                            SONO QUI VENUTI HANNO FATTO PROGETTI
.                                          DAL TRENTINO ALTO ADIGE
                                                       I CORSI DI ITALIANO

eccoli li vedo stavano con noi

in tenda ora sono con la polizia
DAI CENTRI SOCIALI ALLA QUESTURA
     DA TUTTI SI SONO FATTI ODIARE
.             SOBILLATORI VENUTI
                           DA ROMA

.                                                                                                            la giornalista lo ha
scritto su internet
.                                                                                                ci passa davanti e
.                                                                                                          promette vendetta

 

 

3.

LA NOTTE È TRASCORSA TRANQUILLA
Becky
l’ho letto sul giornale nessun
morto ammazzato nel sonno nella
Bidonville nessunƏ più
sparatƏ dagli italiani
oggi
nessuna più morta soffocata
nell’incendio della tendopoli
almeno da ieri
Becky
LA NOTTE È TRASCORSA TRANQUILLA
LO STATO LA POLIZIA I SINDACATI LA QUESTURA
I CENTRI SOCIALI
nessuna è più morta da ieri
Becky
.   la notte è trascorsa tranquilla
ricordo il tuo nome
  .il tuo volto
.     il tuo viaggio dalla Nigeria
io lo so chi è STATO
Becky
ad ammazzarti nella tendopoli
il fuoco il fumo le fiamme
ricordo chi è STATO
perché il tuo nome è
lo stesso di chi
muore in mare
cade dai barconi annega
                               affoga
il fumo l’acqua il fuoco
LO STATO
che non dà i documenti
LO STATO
che non dà le case
LO STATO
che spara coi fucili
LO STATO
che costruisce le Bidonville
LO STATO
che le sgombera
Becky
LO STATO
.          io so chi è STATO
Becky
ricordo il tuo nome
ho visto quei sassi
il sole che cadde su
questi stracci
Becky
voglio rivederti un giorno
rifiorire
spuntare dal prato
nella Bidonville
e andare
via di qui                   lontano
Becky
via
di
qui

 

 


Luigi Narni Mancinelli, editor e scrittore, ha pubblicato Una partita lunga un secolo. Cent’anni della Salernitana (e di Salerno) (Albatros, 2019) e Una disperata felicità. Storie di uomini e donne in fuga (Plectica, 2014).

 

Luigi Narni Mancinelli
Silvia Mengoni, Senza titolo, collage, 2023.