Press "Enter" to skip to content

Chiamata per narratori e illustratori | Nasce Mixiѕ

Per indagare le soglie del contemporaneo, Argo lancia una rubrica d’esplorazione creativa.

Nella sua estensione digitale, l’infosfera, crogiolo di dati e informazioni, plasma nuovi piani esistenziali che fondono in un’unica iper-connessione le dimensioni off-line con quelle on-line. In questa “ontologia della connessione”, vera e propria realtà parallela, la mescolanza, l’unione, può costituirsi come un evento straordinario capace di esplorare e schiarire i nuovi domini di interesse — nel campo del trans-mediale, infatti, le pieghe si sovrappongono, le trasmissioni e i contagi virali possono dar luogo a esiti inaspettati.

Immergendosi in questo sconfinato reticolo spugnoso, che mappa e ridefinisce una contemporaneità in perenne trasformazione, Argo ha intenzione di favorire l’incontro/scontro fra i corpi mobili e i fantasmi binari che vi dimorano. E ha pensato di farlo attraverso Mixis, una nuova multidisciplinare e collaborativa rubrica dalle semplici ma essenziali regole:

1) si potrà aderire a Mixis inviando alla redazione una propria opera originale, che si tratti di un racconto o un’illustrazione (ma anche un video, una poesia, un fotomontaggio, o qualsiasi altra forma artistica possibile);

2) i contenuti selezionati verranno assegnati agli altri partecipanti con lo scopo di innescare un processo di mutua influenza e di dialogo creativo. Ad esempio, un racconto potrebbe ispirare un’illustrazione o un’illustrazione un racconto; a sua volta un’illustrazione potrebbe dare il via a una poesia, a un video o a un collage;

3) l’invio di un contenuto non interromperà il legame con la rubrica, poiché, senza nessun vincolo insindacabile, il mittente a sua volta riceverà il materiale di un altro partecipante, e così via;

4) quando possibile, verrà privilegiato un mescolamento casuale, con il preciso scopo di portare agli eccessi l’arbitraria contaminazione creativa.

Per chiarimenti, o altro, non esitate a contattarci su argo@argonline.it

Foto di Laudisia Colonnelli | Grafica di Aurora Andreani

 

         

image_pdfimage_print
Condividi