Press "Enter" to skip to content

Daniel Cundari

Daniel Cundari è nato nel 1983 a Rogliano (Cuti), in Calabria. Poeta in italiano, spagnolo e dialetto, ha vissuto a Siena, Roma e Granada. È autore di Cacagliùsi / Balbuzienti(edizione bilingue a cura di Dante Maffìa e Pasquino Crupi), Roma 2006; Il dolore dell’acqua (a cura di Mario Specchio), Roma 2007; Prótesis del alma (a cura di Marta Badia e Ángel Talián), Granada 2008 – Vitolas del Anaïs; Geografía feroz (a cura di Antonio Carvajal, Alejandro Pedregosa e Trinidad Gan), Granada 2011 – Colección Genil Literatura; Poemas para delinquir (a cura di Daniel Vázquez Barros), Granada 2011 – Colección Poesía para Peatones. Presente in antologie, collaboratore di riviste, ha vinto numerosi premi letterari. Suoi testi sono stati recitati o raccolti in diverse città, tra le quali Erlangen (Germania), Vitrolle (Francia), Marbella (Spagna), Montecarlo (Principato di Monaco). Nel 2009 è stato il primo e il più giovane autore italiano ospite della prestigiosa Cátedra Federico García Lorca.

da Cacagliùsi/ Balbuzienti

Fìcatu

Ccà, allu scuru, senza ‘na ùce
ppe allumàre ‘e crozze,
a trusciàre ccu la trùscia.
‘E paròe: ventu allu ventu
e nun ci n’è bisògnu, ‘nu
focuàru de stizze, ‘e manu,
‘e nocche de jìrite chjìne de
panze spanzàte. Chìste su lle
vucche allippàte, ‘e catrèe
de sèggie. Sccc…
Òmini, no, gatte prene
ca se squàrtanu allu sùe.

 

Coraggio Quaggiù, al buio, senza un bagliore/ per illuminare le menti,/ a brindare con la crisi./ Le parole: vento al vento/ e non ve n’è il bisogno, un/ focolare di ramaglie, le mani,/ i nodi delle dita piene di/ pance abortite./ Queste sono le/ bocche impastate, i dossali/ delle sedie. Sccc…/ Uomini, no, gatte pregne /che si scialano al sole.

         

image_pdfimage_print
Condividi