Press "Enter" to skip to content

Domenico Brancale

Domenico Brancale è nato a Sant’Arcangelo (Basilicata) nel 1976. Ha pubblicato Cani e porci (Ripostes, 2001), il libro d’arte con Hervé Bordas Canti affilati (Masoero, 2003),L’ossario del sole (Passigli, 2007), Controre (Effigie, 2013), incerti umani (Passigli, 2013). Ha tradotto Cioran, Michaux, John Giorno, Claude Royet-Journoud, Victoria Xardel. E curato il libro Cristina Campo. In immagini e parole (Ripostes, 2002). 

da Canti affilati (Masoero, 2003)

Nu fridde nda l’uosse
i’è cuesta ’a chese andò vive

u suonne si n’è scrijète

mbàreche sènte
c’ u tirramote
nd’u tròpene d’u core
gràpe ppi ssempe nu jacc

Un freddo nelle ossa / è questa la casa che vivo // il sonno si è consumato // sembra sentire / che il terremoto / nella pozzanghera del cuore / apre per sempre uno spacco

 

Nu sciusce di viende
ripigghiète di cuoste
a llu zinzile di nu curperone
nd’ ’a camàsce
nu mucchie di terre
strìnte nd’u pugne
cusse sìme
Avògghie tu a pinzà a llu paradise
non abbicitièie a nasce
ca nda nu lampe ti ni scrìie
E cche gghi’è
ngi ’dda i’èsse na ngògne
addò nu fiore si spècchie
ppi ll’aste nganne
e senze ’ss’affanne

Un soffio di vento / rinvenuto accanto / allo straccio di un corpo / stremato nella calura / un mucchio di terra / stretto nel pugno / questo siamo / Hai voglia a pensare al paradiso / non fai in tempo a nascere / che in un lampo scompari / Eppure / ci deve essere un canto / dove un fiore si specchia / a stento  / e senza questo affanno

         

image_pdfimage_print
Condividi