Quarta puntata della trasmissione KatÀstrofi su ArgoWebTv con Agenzia X, DeriveApprodi, Minimum Fax, La nave di Teseo, Squilibri. Durante la puntata trasmetteremo anche The Dead di Billy Collins, sottotitolata in anteprima su Youtube. 

Cosa faranno gli editori di fronte alla pandemia? L’Associazione Italiana Editori stima un taglio del 35% del lancio novità per il primo quadrimestre e del 42% per il secondo quadrimestre (dati AIE, newsletter 24/4/2020). Gli editori sperano di riprendersi nel terzo quadrimestre, dato che il taglio previsto è solo dell’8%? O punteranno di più sugli ebook, diminuiti appena dell’1%, o sugli Audiolibri, diminuiti non più del 10%?

Mercoledì 6 maggio dalle ore 18 ne parleranno con Valerio Cuccaroni e Lello Voce su ArgoWebTV Ilaria Bussoni di DeriveApprodi, Domenico Ferraro di Squilibri, Marco Philopat di Agenzia X, Christian Raimo di Minimum Fax ed Elisabetta Sgarbi de La Nave di Teseo. Sarà infatti dedicata a “Editoria e Pandemia” la quarta puntata della trasmissione KatÀstrofi su www.youtube.com/c/argowebtv, che finora ha totalizzato oltre 2000 visualizzazioni. 

Si intravedono spiragli per l’editoria nella fase 2 della pandemia ma non troppo confortanti. I maggiori festival di letteratura, Mantova e Pordenonelegge, hanno confermato che l’edizione 2020 si farà ma avvertendo che «il solito Festival non si potrà fare. Lo stiamo immaginando in maniera diversa», secondo Marzia Corraini del Comitato organizzatore del Festivaletteratura. Il Salone del Libro di ha annunciato uno spostamento della manifestazione ma senza precisare la nuova data. Basteranno gli aiuti chiesti allo Stato dall’AIE, dall’Associazione Italiana Biblioteche AIB e dall’Associazione Librai Italiani ALI per rimettere in moto l’industria editoriale? Secondo la teoria del matematico René Thom, la catastrofe non è necessariamente negativa perché va considerata semplicemente come un passaggio di stato della materia. Come il chicco di grano diventa pop corn, l’adolescente lascia l’infanzia per diventare adulto. Tutto ciò che è umano è in sé catastrofico perché destinato a cambiare stato. Quale sarà il nuovo stato dell’editoria dopo la pandemia? Forse il rapporto tra gli 80 mila titoli circa pubblicati nel 2018 a fronte dei poco più di 50 mila ebook si invertirà? Le indicazioni che verranno dagli ospiti forniranno un elemento di riflessione in più alle circa 5 mila case editrici italiane, affinché il danno stimato dal settore “tra significativo e drammatico”, così come emerge dall’opinione di un centinaio di case editrice contattate dall’AIE, possa essere anche un’opportunità.

Tra i contributi video, KatÀstrofi è l’unica trasmissione televisiva italiana a dare spazio alla videopoesia e al PJ setting, in collaborazione con lo Zebra Poetry Film Festival di Berlino e il poesia festival La Punta della Lingua di Ancona. In anteprima nazionale su YouTube mercoledì sarà proiettata la versione sottotitolata in italiano di The Dead, una videopoesia del poeta statunitense Billy Collins, tradotta da Franco Nasi, per gentile concessione dell’autore, grazie a Elena Bagnulo e Francesca Gironi. In originale la videopoesia ha totalizzato quasi 900 mila visualizzazioni. Nuovo appuntamento infine con il PJ setting, una forma di DJ setting poetico (PJ sta per Poetry Jockey). Dopo avere mixato su basi musicali i versi di Nanni Balestrini ed Edoardo Sanguineti, quali versi sceglierà stavolta il poeta-performer e poetry jockey Luigi Socci per le elaborazioni video di Emanuele Mochi?

KatÀstrofi – Stati di eccezione televisibili è una trasmissione di WebTV dedicata alla poesia, alla letteratura e alle arti in genere, realizzata da Argo TV e Autoanalfabeta University of Utopia, ideata e condotta da Lello Voce e Valerio Cuccaroni, regia di Giulia Coralli e Corrado Foffi, assistente alla regia Giacomo Alessandrini, produttore Andrea Capodimonte, segreteria di redazione Wissal Houbabi, Natalia Paci, Annalisa Prestianni, grafiche Francesca Torelli, in collaborazione con i festival Corto Dorico, La Punta della Lingua e Zebra Poetry Film Festival di Berlino. 

La sigla musicale originale è di Loris Cericola