Press "Enter" to skip to content

Edoardo Zuccato

Edoardo Zuccato è nato a Cassano Magnago (VA) nel 1963. Ha pubblicato le raccolte di poesia in dialetto altomilanese Tropicu da Vissévar (Crocetti, Milano 1996), La vita in tram(Marcos y Marcos, Milano 2001), I bosch di Celti (Sartorio, Pavia 2008) e Ulona (Il Ponte del Sale, Rovigo 2010). Ha tradotto le Egloghe di Virgilio (I Bücòligh, Medusa, Milano 2007) e, con Claudio Recalcati, Biss, lüsèrt e alter galantomm. Ballate di François Villon (Effigie, Milano 2005). È caporedattore del semestrale di poesia e traduzione Testo a fronte e ha curato edizioni bilingui di opere di poeti inglesi romantici e contemporanei. Insegna letteratura inglese all’Università IULM di Milano.

da I bosh di Celti
L’Europa a Gortina
I.
Diu l’ha ciavâ chichinscì, sota ’n platan;
pö lé l’é curüü via, luntan dul su,
a nord. In chi ann là una storia,
un cuntinent, vignian al mond inscì,
e chì gh’é restâ chì ’l garbüj di platani, l’umbrìa.
II.
Vidüü d’in mezz, ul mar l’ea püssé scür
daa tera in du che adess gh’é lì ’n teatar
sempar vert par l’acqua e ’l vent e i besti,
e drê ’l palchscénich gh’é lì tüsa ’n fundâl
un mür da legg scriüü gió ’me i fann i bö
quan’ ca j aran ’na campagna.
III.
Dul santüàri dul Apollo
sa ved ammó ’l prufil
in daa tera bianca ’me farina
in dua pastüra pü né bèr né bö,
ma sül coll sa sent ul fiâ dul su
che al mes d’agust, a mesdì, al smalta l’aria
e tri tudesch in fila contra ’l ciel.
Da robb grand che chiscì gh’é bon da vìv
gh’é dumâ i piant da uliv.
I – Dio l’ha chiavata qui, sotto un platano; / poi lei è corsa via, lontano dal sole, / a nord. A quel tempo una storia, / un continente, nasceva così, / e qui è rimasto il groviglio dei platani, l’ombra. // II – Visto da in mezzo, il mare era più scuro / della terra dove adesso c’è un teatro / sempre aperto per acqua e vento e animali / e lungo il palcoscenico a mo’ di fondale / sta un muro di leggi scritte come fanno i buoi / quando arano un campo. // III – Del tempio di Apollo / si vede ancora il profilo / nella terra bianca come farina / dove non pascolano più né pecore né buoi, / ma sul collo si sente il fiato del sole / che in agosto a mezzogiorno smalta l’aria / e tre tedeschi in fila contro il cielo. / Qui di grande riescono a vivere / soltanto gli ulivi.
         

image_pdfimage_print
Condividi