Press "Enter" to skip to content

Fabio Franzin

Fabio Franzin è nato nel 1963 a Milano; vive a Motta di Livenza (Treviso). Ha pubblicato in italiano una silloge di liriche, Il groviglio delle virgole (Stamperia dell’Arancio, Grottammare, 2005) e nel dialetto veneto-trevigiano dell’Opitergino-Mottense, i seguenti libri di poesia: El coeor dee paroe (prefazione di Achille Serrao, Zone Editrice, Roma, 2000); Canzón daa provenza. E altre trazhe d’amór (Fondazione “Corrente”, Milano, 2005; Premio “Edda Squassabia”); Pare (introduzione di Bepi De Marzi, Edizioni Helvetia, Spinea, 2006); Mus.cio e roe (introduzione di Edoardo Zuccato, Le Voci della Luna, Sasso Marconi, 2007; Premio “San Pellegrino Terme”, Superpremio “Insula Romana”, Premio “Guido Gozzano” e, al Concorso “Antica badia di San Savino”, il premio speciale della giuria); Fra but e ortìghe (Circolo culturale “Menocchio”, Montereale Valcellina, 2008); Fabrica (Edizioni Atelier, Borgomanero, 2009); Co’e man monche (Le voci della Luna, 2011).

 

da Fabrica

Varda chii operai, varda
come che i se perde via
fra i só pensieri intant che
i se fuma ‘na cica sentàdhi
contro ‘l muro dea fabrica
vàrdii, stràchi e spàzhi,
co’i gins che ‘na volta
i ièra quei boni, e ‘dess
i ‘é sol un pèr de bràghe
màssa curte e taconàdhe
co’ chee camise smarìdhe,
‘e scarpe zhòzhe de còea
o de ojàzh, zhéjie e cavéi
zai de segadùra. I par squasi
dei pajiàzhi scanpàdhi via
da un circo, cussì, ridìcoi
e maincònici come i comici
del cinema mut, e muti i ‘é
anca lori parché ‘a fadìga
ghe ‘à portà via ‘a paròea
vàrdii ‘dèss che i schinzha
‘a cica soto i pie e a testa
bassa i torna dae machine
che spèta ‘ncora i só sèsti
servi; i sogni soeàdhi lontani.
Guarda quegli operai, nota / come sono assorti / fra i loro pensieri mentre si / concedono una sigaretta seduti / contro il muro della fabbrica // guardali, stanchi e sporchi, / con i jeans che un tempo / erano alla moda, ed ora / sono solo un paio di brache / troppo corte e rattoppate // con quelle camicie sbiadite, / le scarpe lerce di colla / o di oliaccio, ciglia e capelli / gialli di segatura. Sembrano quasi / dei clown fuggiti // da un circo, così, ridicoli / e malinconici come i comici / del cinema muto, e muti sono / anche loro perché la fatica / gli ha estirpato la parola // guardali ora mentre schiacciano / la cicca sotto i piedi e a capo / chino ritornano dalle macchine / che attendono ancora i loro atti / servili; i sogni volati altrove.
         

image_pdfimage_print
Condividi