Il compositore Péter Eötvös ha recentemente dato alle stampe per l’etichetta ungherese BMC Concertos, un album che racchiude sue tre composizioni eseguite – sotto la direzione dello stesso autore – dalla BBC e Gothenburg Symphony Orchestra con solisti Akiko Suwanai (violino), Pierre-Laurent Aimard (pianoforte), Richard Hosford e John Bradbury (clarinetti). Fanno parte della raccolta Seven (2006), un memoriale per violino e orchestra suddiviso in due parti, scritto in ricordo dei sette astronauti morti nel febbraio 2003 a seguito del disastro dello Space Shuttle Columbia, le atmosfere fiabesche di Levitation (2007) per due clarinetti solisti, orchestra d’archi, fisarmonica e CAP-KO (2007) concerto per pianoforte, tastiere midi e orchestra dedicato a Béla Bartók (altrettanto fresco di pubblicazione il doppio Complete Choral Works – BMC CD 186 – contenente le opere corali del celebre compositore, pianista ed etnomusicologo ungherese). Eötvös ha inoltre registrato – sempre per la BMC, ma questa volta solo in veste di direttore – una serie di dischi dedicati a György Ligeti, tra cui Ligeti and Kurtág at Carnegie Hall (BMC CD 162) e György Ligeti: Requiem, Apparitions, San Francisco Polyphony (BMC CD/DVD 166).

György Ligeti - Requiem, Apparitions, San Francisco Polyphony (BMC CD 166)

Tra le numerose monografie sulla vita e le opere di Ligeti mancava nella saggistica italiana uno studio articolato che trattasse in maniera ampia e completa la sua poetica, il suo orizzonte culturale e le sue tecniche compositive. Dopo la raccolta di saggi pubblicata nel 1985 a cura di Enzo Restagno, solo più recentemente, tra il 2002 e il 2003, si sono aggiunti il volume di Alessandra Morresi dedicato al primo libro di Studi per pianoforte (De Sono/EDT) e la traduzione dell’intervista con Eckhard Roelcke Lei sogna a colori? (Alet).

György Ligeti. Il maestro dello spazio immaginario - Ingrid Pustijanac

Nella prima parte del suo libro “György Ligeti. Il maestro dello spazio immaginario” (Lim/Quaderni di Musica Realtà/Supplemento 3), la ricercatrice Ingrid Pustijanac intreccia le vicende biografiche con il contesto politico in cui il compositore si è trovato ad operare, mai lasciando precipitare però l’opera nel cavo della vita. Nato nel 1923 in Transilvania da una famiglia di ebrei ungheresi e sopravvissuto al lavoro coatto nell’esercito durante la seconda guerra mondiale, dopo la fuga a Vienna nel 1956 Ligeti diventerà uno dei principali compositori dell’avanguardia del secondo Novecento, ritagliandosi al contempo, proprio come Xenakis, un ruolo da outsider rispetto agli altri protagonisti di quegli anni. Il suo nome diventa noto al grande pubblico grazie alla colonna sonora di 2001: Odissea nello spazio (1968), nel frattempo lavora – per più di dieci anni – alla composizione dell’opera Le Grand Macabre, rappresentata a Stoccolma il 12 aprile 1978 (consigliato il doppio DVD Arthaus Musik della rappresentazione diretta da Michael Boder al Gran Teatre del Liceu di Barcellona nel 2011). In seguito le micropolifonie di Ligeti faranno da contrappunto ad altri due film di Kubrick: Shining (1980) e Eyes Wide Shut (1999).

Le Grand Macabre (Arthaus 2DVD)

La seconda parte dell’opera illustra gli aspetti più significativi dei processi compositivi del musicista ungherese, il suo rapporto con Bartók e un’analisi della breve fase dodecafonica (affrontata su frammenti incompleti di partiture degli anni 1955-56). Naturalmente non manca uno sguardo verso l’elemento timbrico degli anni Sessanta, così come il rinnovamento della dimensione ritmica che pervade la produzione degli anni Ottanta grazie all’influenza delle musiche extraeuropee.

Paolo Tarsi