Argo pubblica, suddiviso in due parti, il saggio di Francisco Soriano sulla “Geografia sociale” di Élisée Reclus.

PARTE I

I grandissimi pensatori concepiscono le idee alla stregua di archetipi: questi ultimi si materializzano in monumenti, progetti, scritti o qualsiasi genere di opera che spesso agli occhi della moltitudine appaiono come visioni, utopie o addirittura eteree forme prive di consistenza. La geografia sociale di Élisée Reclus vive oggi un’attualità sorprendente, proprio nel momento in cui si susseguono dichiarazioni che rivalutano lo sfruttamento incondizionato dei territori, nell’estrazione di minerali fortemente inquinanti, come ad esempio il carbone e il petrolio. Sono in molti a dirsi favorevoli al sacrificio della tutela dei territori, delle acque e dell’aria che respiriamo sull’altare di un progresso che ha il sapore di una selvaggia ignoranza, difficile da estirpare e pertanto pericolosissima per le dinamiche ambientali, che ci presentano un conto onerosissimo in cambiamenti climatici e catastrofi. Sono coloro i quali non avvertono come prioritario il discorso sul clima, sulle energie rinnovabili, sull’avvelenamento dei territori ad alta densità agricola e, da un passato oscuro, ci trascinano in un futuro pieno di insidie per la salute del nostro Pianeta. Ciclopici sono i passi in direzione opposta alla salvaguardia dei più elementari diritti dei cittadini, che vengono favoriti dalle scelte incondizionate di un capitalismo che non riesce neppure a concepire e imporre l’idea della sua stessa rigenerazione, come investimento economico nelle energie rinnovabili e nell’utilizzo dei materiali riciclabili nel rispetto della Natura.

Chi fu Élisée Reclus?

“Ho girato il mondo da uomo libero”, ci tenne a specificare, presentandosi a qualche suo estimatore. In realtà, l’affermazione non è assolutamente una banalità, perché quest’uomo, così poco amato dalle programmazioni ministeriali dei nostri istituti scolastici, fu un gigante che nessuno è riuscito a eguagliare per la profondità del suo pensiero e per l’enciclopedico contributo in termini di ricerca e scrittura di opere. La sua morte decretò il silenzio che forse in molti speravano vivamente; episodiche furono le celebrazioni che lo ricordassero davvero e forse sporadici gli studi che lo proiettassero ai posteri in tutta la sua straordinarietà. La sua notorietà internazionale in vita contraddice l’oblìo del “dopo”, la sua visionaria geografia ,finalmente interpretata e vissuta da uomini liberi, non lascia trasparire l’avversità di quanti invece dovrebbero oggi osannarlo più di ieri. Perché?

Élisée Reclus era originario del sud-ovest della Francia: la cittadina della Dordogna, Sainte-Foy-la-Garde gli diede i natali, il 15 marzo del 1830. Figlio di un pastore calvinista di intenso furore mistico e di un’istruttrice che dovette sacrificarsi non poco per contribuire al sostentamento di ben undici figli. La svolta di Élisée, forse, è al compimento dei tredici anni di età, quando è costretto a seguire uno dei fratelli e sua sorella maggiore nel collegio religioso di Neuweid, in Germania. La congregazione religiosa dei fratelli Moravi fu ritenuta consona dal padre Reclus per l’educazione dei suoi tre figli e soprattutto degna per il riferimento valoriale che doveva rappresentare. Le attese furono deluse perché Reclus, sensibile e umanissimo nell’approccio con il prossimo, percepisce ben presto la cupidigia dei religiosi nel procacciarsi fondi economici in modo ossessivo e ingiustificato. Il rapporto con la famiglia viene reso sempre più conflittuale quando Élisée, nel 1844, rientra in Francia per continuare gli studi superiori. Dopo quattro anni e un diploma, dopo un anno presso il seminario di Montauban, riparte proprio in direzione di Neuwield presso i fratelli religiosi Moravi, ma questa volta in qualità di sorvegliante. Neanche questa esperienza, dettata più dalle indigenze economiche della famiglia che alla sua volontà di divenire pastore, si protrae per troppo tempo, ma quanto basta per trasferirsi a Berlino e seguire all’Università corsi di geografia del famosissimo Karl Ritter. In Francia, ha frequentazioni nei circoli anarchici e socialisti, la passione e il suo indomito istinto di stare dalla parte dei più bisognosi gli impongono di aderire alle istanze libertarie. È il 1848, l’onda rivoluzionaria passa e defluisce, spegnendosi molto presto. Luigi Bonaparte esegue il colpo di Stato del 1851 e Reclus deve fuggire in esilio. Viaggia in modo frenetico in Europa, negli Stati Uniti e in Colombia. In Irlanda, come amministratore di un’azienda agricola ha modo di verificare la situazione sociale ed economica scatenatasi dopo la carestia del 1847, dovuta alle pressioni indiscriminate degli inglesi che occupano il territorio irlandese da padroni. Per potersi sostenere, dà lezioni private e frequenta gli esuli dei moti del 1848 in Inghilterra. Successivamente, si dirige in Louisiana, divenendo precettore dei figli di un ricchissimo possidente di territori coltivati a canna da zucchero. È nel 1855 che decide di partire per il Sud America, in Colombia, dove tenta un’attività in proprio come coltivatore di piante di caffè. Non tutto va per il verso giusto, ammalato e senza molta possibilità di sostenersi, rientra in Francia. Nel 1857 Reclus ha una vita convulsa, ma la sua attività di geografo comincia e si consolida grazie agli appunti inesauribili, gli studi, le analisi e la profondità della sua intelligenza. Il contatto con studiosi e scienziati dell’epoca gli fanno prendere coscienza di problematiche che presto diverranno i valori e i principi della sua geografia sociale. È la casa editrice Hachette che intuisce le sue competenze e decide di pubblicare i resoconti delle sue esperienze di viaggio: propone a Reclus di redigere una raccolta di guide “Joanne” che puntualmente vengono pubblicate.

Il nostro geografo comincia a girare a piedi tutta la Francia, i paesi confinanti e compila scrupolosamente le sue guide. Aderisce alla Società di Geografia di Parigi: grazie ai riscontri entusiastici per la scientificità di alcune sue pubblicazioni di geografia fisica si impone anche al grande pubblico. La Società possedeva la migliore biblioteca di opere geografiche e di carte consultabili, pertanto Reclus può dedicarsi agli studi e alla sua attività di scrittore: uno stile straordinario, letterario ma comprensibile, variegato di immagini e riflessioni umanissime, talvolta filosofiche, avvincente e passionale. Nel suo stile ricorda la grande tradizione enciclopedistica dell’Illuminismo e la creatività ardente del Romanticismo. Pubblica libri di geografia divulgativa: il Trattato di Geografia Fisica; La Terre; Description des Phénomènes de la vie du globe nel 1867; nell’estate del 1872, firma un contratto con le edizioni Hachette per la redazione di una Nuova Geografia universale; scrive un libro di successo: Histoire d’un Ruisseau, nel 1876; nel 1894, esce l’ultimo volume della Nuova Geografia Universale, in tutto sono 19 i volumi. Dedica le sue ultime energie, tra vecchiaia e malattia, stanchezza e delusione per le persecuzioni subite ingiustamente, all’opera L’Uomo e la Terra, in 6 volumi.
Reclus vuole dare una definizione della sua opera che si caratterizza ideologicamente, essendo lui stesso un libertario convinto. È la “geografia sociale”, in cui vengono esaminati tre temi fondamentali per il pensiero dell’epoca, ma oggi ancora attuali ed emblematici: la lotta di classe, la ricerca dell’equilibrio, il ruolo primario dell’individuo. Un’opera sensazionale, in cui vengono figurate le lotte e i progressi degli uomini, dalla preistoria fino agli inizi del XX secolo: una panoramica storica, sociale, antropologica, economica che non ha eguali e dà inizio a un nuovo modo di pensare, interpretare e “scrivere” la geografia.


Leggi la seconda parte qui.