Marilleva – Oltre 1 milione di euro per sparare neve artificiale a Marilleva e Folgarida, dall’inizio della stagione a oggi, secondo le stime dei maestri di sci locali: a 3 euro a metro cubo fanno circa 370 mila metri cubi d’acqua. E per il potenziamento del sistema di innevamento artificiale sono stati stanziati 2,2 milioni di euro in 3 anni, dall’assemblea ordinaria degli azionisti della Funivie Folgarida Marilleva spa (In tre anni investimenti per 18 milioni, in «Il Trentino» online, 30/10/2016).

Tanto costa, in termini economici e ambientali, mantenere aperti gli impianti del comprensorio sciistico, fra i più prestigiosi delle Dolomiti e del mondo. Senza quei soldi e quell’acqua non girerebbero i tornelli.

Dall’inizio della crisi del 2008 nelle Alpi i turisti sono calati del 30 per cento. E come se non bastasse, ci si sono messi anche i cambiamenti climatici e gli italiani non amano la neve artificiale. Così a gennaio, con i prati al posto della neve da fuoripista, a Marilleva, Folgarida e Madonna di Campiglio la lingua più parlata dagli sciatori è il polacco. Da alcuni anni i gestori degli impianti sciistici, infatti, puntano sulla Polonia per portare a casa la pagnotta. Prima arrivavano in pullman scalcagnati, oggi i polacchi arrivano con automezzi accessoriati e i singoli si presentano in Porsche Cayenne. «Si sentono i padroni» confessa un maestro di snowboard, che non riesce a reprimere quel certo non so che di xenofobo che prende tutte le comunità umane quando si sentono invase da stranieri.

Anche l’anno scorso è avvenuto qualcosa di simile: fino al 20 gennaio neve artificiale, la stagione è partita solo in extremis. I lavoratori del luogo sperano che il miracolo si ripeta anche quest’anno.

La scomparsa della classe media, però, coincide con quella della neve: sono sempre meno le famiglie che possono permettersi la settimana bianca, mentre cresce il divario fra ricchi e poveri, così come sempre meno è la neve che cade sulle Dolomiti, mentre cresce la temperatura che scioglie i ghiacciai delle nostre montagne. Per salvare quello del Tonale devono stendere teli sopra la neve.

Avevo già avuto modo di parlare di questa situazione, relativa a Cervinia (Cervinia o il Jurassic Park delle nevi, 5/2/2016). Lo scorso anno, però, quando ho visitato la regina della Val d’Aosta, a fine gennaio, mi ero trovato davanti a uno dei rari scenari innevati delle Dolomiti. Avevo solo sentito parlare dell’assenza di neve nel resto delle Alpi. Quest’anno invece ho visto con i miei occhi l’erba sotto la seggiovia, i prati sulle montagne circostanti, le rocce vive e lo spettacolo è stato terrificante. A memoria di maestro di sci, un’annata del genere si ebbe solo nel 1988, ma non per due anni di seguito, come invece sta accadendo in questo biennio 2015-2017.

La parabola della settimana bianca e della classe media è quella di milioni di cittadini come me. Fino al compimento della mia formazione, nel 2007, appartenevo alla classe media. Bambino negli anni Ottanta e adolescente negli anni Novanta, ho goduto di tutti i lussi della media borghesia, a partire dal must della settimana bianca. Dagli anni dell’Università in poi andare a sciare è diventato un’avventura o un lavoro: avventure in appartamenti sulle Alpi francesi, in sette in una stanza, o lavoro di insegnante-accompagnatore per comitive di studenti. Andare con la famiglia, ora che siamo diventati professionisti proletarizzati, insegnanti e avvocati con lo stipendio di un operaio specializzato, è possibile solo se amici o parenti mettono a disposizione gratuitamente il proprio appartamento sulle piste. Ecco, le piste, proprio loro: le piste di neve artificiale vengono battute ogni notte da gatti delle nevi che ormai hanno sensori capaci di uniformare la quantità di neve su tutta la pista, evitando che in una parte la neve sia ammucchiata e in un’altra manchi, lasciando scoperti imbarazzanti e dannosi sassi. Perché non si può sparare acqua a meno 10 ogni notte: l’acqua va pompata da Marilleva 900, fino a 1400 e 2168, dove parte la pista Orso bruno. Un nome che evoca, sinistro, l’estinzione.

Valerio Cuccaroni