Press "Enter" to skip to content

Lello Voce

Lello Voce, (Napoli, 1957) poeta, scrittore e performer è stato tra i fondatori del Gruppo 93 e della rivista Baldus. Tra i suoi libri e CD di poesia ricordiamoFarfalle da Combattimento (Bompiani,1999), Fast Blood (MFR5/SELF, 2005) e L’esercizio della lingua (Le Lettere, 2009). I suoi romanzi sono stati riuniti ne Il Cristo elettrico (No Reply, 2006). Ha curato L’educazione dei cinque sensi, antologia del poeta brasiliano Haroldo De Campos.

Nel 2001 ha introdotto in Italia il Poetry Slam.
Ha collaborato, per la realizzazione delle sue azioni poetiche, con numerosi artisti tra cui Paolo Fresu, Frank Nemola, Luigi Cinque, Antonello Salis, Giacomo Verde, Michael Gross, Maria Pia De Vito, Canio Loguercio, Rocco De Rosa, Luca Sanzò, Ilaria Drago, Robert Rebotti, Claudio Calia.
E’ stato direttore artistico di romapoesia (2000-2004) e di Absolute Poetry (2004-2010) a Monfalcone (GO). Ha fondato il portale di poesia absolutepoetry.org.

Napoletana

(Serenata a dispetto)

– gli amori diceva conviene ucciderli quando sono piccoli, come si fa con i bambini

e mentre lo diceva mostrava le sue strade, i palazzi i tombini spalancati sul suo

eccesso sul profilo stesso della sua bocca aperta come mano o cono di un vulcano

– gli amori diceva conviene farli nascere all’incrocio del tempo nello stesso momento

in cui la lava cerca lo sbocco in cui il tocco della mano lungo il polso o la coscia

in cui il Re di tutto il Creato e il suo corteo percorrono il suo corpo le sue vie spalancano

                         le sue labbra e le sue finestre

pecchè st’ ammore è sciorte  e’ seccia / na disgrazia, na bucìa che e’ cosce corte

st’ammore è lastra ‘e preta  e sape ‘e lemmone / è  nu scunciglio ‘e core ‘e cuniglio

st’ammore è nu tuosseco ‘e nfamità /  e pure quanno te lassa – tien’ ‘a mmente –

                                                                                              ‘o ffa scuntrusamente

– gli amori diceva sono come un banchetto come in due sul letto aspettando il futuro ignorando

ogni muro cercando i vicoli d’ogni sentimento il vincolo il senso che sente che fiuta il mare

anche quando l’acqua non c’è più ma resta il sale la macchia d’orgasmo la traccia di ghiaccio

– gli amori diceva sono come una folla come una lama a molla che scatta alle spalle come un

dado o un tradimento accadono senza un lamento fatti d’assenza che ogni amore è latitanza

di torto e ragione d’ogni sorte è la fuga d’ogni morte è l’odore del mare che bagna la città la

                                                                                                         sua metà di miseria e pietà

pecchè st’ ammore è sciorte  e’ seccia / na disgrazia, na bucìa che e’ cosce corte

st’ammore è na lastra ‘e preta  e sape ‘e lemmone / è  nu scunciglio ‘e core ‘e cuniglio

st’ammore è nu tuosseco ‘e serpente /  e pure quanno te lassa – tien’ ‘a mmente –

                                                                                                        ‘o ffa maliziusamente

– gli amori diceva occorre che siano elastici come il metallo rigidi come le nuvole alte in stallo che

del coltello si veda la ferita e non la lama affilata di parole che la crosta della mancanza la gogna senza

vergogna si sciolga tra il vulcano e il mare che lava e monda di lapilli gli strilli dei figli

– gli amori diceva occorre che siano fluidi come lava indurita come ginestre alle finestre come

l’acqua nel mentre è già vapore come le antiche scie di sangue tra vicolo e vicolo come lo scolo

di sentimenti incroci vita che schiamazza come la piazza e le sue caverne le acrobazie delle stelle

                                                                                                                      le rivoluzioni le tarantelle

pecchè st’ ammore è sciorte  e’ seccia / na disgrazia, na bucìa che e’ cosce corte

st’ammore è na lastra ‘e preta  e sape ‘e lemmone / è  nu scunciglio ‘e core ‘e cuniglio

st’ammore è nu tuosseco ‘e cazzimma /  e pure quanno te lassa – tien’ ‘a mmente –

                                                                                                           ‘o ffa distrattamente

-gli amori diceva vanno cotti a fuoco lento fino a che ogni ritegno sia spento fino a che sia

certo che non mento che tu percorra le scale che scendono al mare che tutte le lacrime blu le

lacrime amare sappiano di sale perché chi si bagna nell’acqua d’amare più a galla non risale

-gli amori diceva vanno fritti come vendette lentamente a labbra strette assaporati bevendo acqua

salata inseguiti e tagliati a pezzi come l’anguilla e poi crolleranno i palazzi e le loro spericolate

scalinate sospese nell’aria crolleranno le forche le farine le feste resteranno solo eserciti di madri

                                                                                                                              meste pezzi di teste

pecchè st’ ammore è sciorte  e’ seccia / na disgrazia, na bucìa che e’ cosce corte

st’ammore è na lastra ‘e preta  e sape ‘e lemmone / è  nu scunciglio ‘e core ‘e cuniglio

st’ammore è nu tuosseco fatte ‘e niente /  e pure quanno te lassa – tien’ ‘a mmente –

                                                                                                         ‘o ffa svugliatamente

-gli amori diceva sembrano ormai amanti che pendono appesi alla corda d’oro del loro stupore

sembrano le ore e tutto il tempo che fabbrica e sfabbrica questo luogo questo buco questo cono

sembrano capricci di vulcano e fame eterna di carne di pane vino e lievito aspro di mammane

-gli amori diceva sembrano ormai un maggio sfiorito torrido quanto l’inverno ferite allo sterno

sembrano avanzi masticati di camorre e morre gengive vuote come orbite cieche pianeti nani

sembrano nebbia resti spelta dopo la trebbia vocali mute utopie lasciate per la via sembrano

                                                                                                                       gesti senza mano

pecchè st’ ammore è sciorte  e’ seccia / na disgrazia, na bucìa che e’ cosce corte

st’ammore è na lastra ‘e preta  e sape ‘e lemmone / è  nu scunciglio ‘e core ‘e cuniglio

st’ammore è nu tuosseco fatte pe’ tramente /  e pure quanno te lassa – tien’ ‘a mmente –

                                                                                                           ‘o ffa scustumatamente

-gli amori diceva sono come pidocchi come resti di sentimenti pagati a scrocco sono tutti tocchi

vanno schiacciati tra le unghie di ciò che più conviene avvelenano le vene rovinano la pelle con

la luce di tutte quelle stelle sono l’utopia travestita da malattia sono Pulcinella di quanto sei bella

-gli amori diceva sono come cicche schiacciate sotto il tacco sono occasioni perdute appena colte

sono svolte spericolate sono alfabeti per analfabeti sono bussole per non tornare sono migrazioni

fino a casa quando la casa non c’è più il respiro degli esausti colpe senza attenuanti letti senza

                                                                                                                   amanti arie senza venti

pecchè st’ ammore è sciorte  e’ seccia / na disgrazia, na bucìa che e’ cosce corte

st’ammore è na lastra ‘e preta  e sape ‘e lemmone / è  nu scunciglio ‘e core ‘e cuniglio

st’ammore è nu tuosseco e’ sentimente /  e pure quanno te lassa – tien’ ‘a mmente –

                                                                                                 ‘o ffa appassiunatamente

         

image_pdfimage_print
Condividi