Press "Enter" to skip to content

Lussia di Uanis

Lusia di Uanis è nata nel 1964. Ha fondato il gruppo Trastolons e il movimento Usmis. Ha prestato anima, voce, corpo alla creazione di eventi poetico musicali, con formazioni acustiche  (K’Ramar) e elettroniche (Eletrike Skeletriche Poetiche ). Lavora nelle scuole con progetti creativi in lingua friulana. Cura un programma di storie e racconti tradizionali “Flabis a mirinde” a Radio Onde Furlane. Ha scritto testi di canzoni per: Furclap, Zuf de Zur, Bande Tzingare e Ulisse e i Ciclopi e canzoncine per bambini. Ha pubblicato: un libro per bambini Intal sac da fantasia e un libro di poesie Rivocs sul Cormôr (nell’universo dei quanti privi di ISDN) e un audiolibro per bambini L’arbul Feliç (edizioni Serling Soc coop). Ha pubblicato un cd per Musiche Furlane Fuarte con Eletrike Skeletriche Poetiche. 

Gnot, come gnot e ancja come metafora
decadensa di ziviltât, decadensa – on do it –
nossai se che ûl dì, ma suna bèn
gnot post Black-out
siguramenti fals come dùt al rest.
Gnot, jè gnot sigûr,
con l’accompagnamento di un blues.
Gnot su vitis spindudis sirint di
j e s s i
m i o r
ma mior di sé – ma jessi no basta mai.
Gnot; siguramenti podi lâ,
là che uli cul pinsîr.
Siguramentri t’una selva oscura
al clâr di fûcs voladis
che sclarisin la gnot.
Gnot però, no sôl par mè
lu sai, ancja se lôr no lu sàn.
Fâs mâl però viodilu e sintilu cussì.
E fâs ancja paura.
Isa vera chist orrôr che trapela,
chista meschinitât, isa vera?
Gnot, sul mont che turba
i mei pinsîrs, sintisi piarduda
t’un “desio” di turpitudini.
Al dolôr lu sinti dùt.
Purtrop.
Gnot che slusis di lusignis e crots.
Gnot grivia di vecjs e gnovis pauris,
o piês, di disillusiôns.
Gnot che sensa agnul o arcagnul
jè tremenda,
come una bufera tal scûr.
Tant fasii di pleâ che sìn!
Epur si resist preant i arcagnui.
Di gnot, gnot, gnot, gnot.
 
Notte come notte, e anche come metafora
decadenza di civiltà, decadenza on do it
notte post blackout
sicuramente falso come tutto il resto.
 
Notte? E’ notte sicuramente,
notte su vite spese cercando
di essere migliore,
ma meglio di cosa?
Di chi? Non è mai abbastanza!
 
Notte, sicuramente posso andare
ovunque con il pensiero.
Sicuramente in una selva oscura
al chiarore di fuochi fatui
che rischiarano la notte.
 
Notte però, non solo per me
lo sò, anche se loro non lo sanno.
Fa male vederlo e sentirlo.
E fà anche paura.
E’ vero questo orrore che trapela?
Questa meschinità è vera?
 
Notte, sul mondo che turba
i miei pensieri, sentirsi sperduti
in un desio di turpitudini.
Il dolore lo sento tutto
purtroppo questa notte.
 
Notte luccicante di lucciole e rospi.
Notte greve di vecchie e nuove paure
o peggio di disillusioni.
 
Notte che senza angeli o arcangeli
è tremenda
come una bufera nel buio.
Così facili a piegare, siamo!
Eppure si resiste pregando gli angeli e gli arcangeli.
 
Di notte, notte, notte .
         

image_pdfimage_print
Condividi