Press "Enter" to skip to content

Maurizio Benedetti

Maurizio Benedetti è nato a Berna il 17-9-1968 e vive ad Ara Grande, frazione di Tricesimo (UD). Ha pubblicato nel 2006 la raccolta breve Lontano da chi ascolta (Sottomondo, Gorizia) e, sempre per il medesimo editore, il libro So distruggere il mio dio nel 2008. Ha fatto parte della redazione della rivista «Corrispondenze & Lingue Poetiche» edita negli anni ‘90 dalla Kappa Vu di Udine, con cui ha pubblicato nel 2010 la raccolta Bionda salamandra e altre poesie. È direttore Artistico del Festival di poesia “PoetARE” di Tricesimo. Nel 2009 ha vinto il “Trieste International Poetry Slam”.

BULOS DI PAÎS
E fasevin dispiets
e cjolevin pal cûl, e ufindevin
e dopo e disevin:
“La prossime che tu fasis
tu âs finît par simpri”.
Nol ere tant temp che ere
muarte me mari,
che mi vevin menât
parfin tal simitieri
a fâ la prove di coragjo
cul mostro Cernazai.
Cumò co ai cuarant’ains
mi metarès a ridi
ma in chê volte o eri
frut e no capivi.
Usât a sei colpevul
dal cancar di mê mari, fossial
stât nome chel…
Par dî la veretât
o eri trascurât e o fasevi
el stupidel par vê un pocje
di atension, un estro
di cjatâ o par dismenteâ
e la int ûr crodeve
co fos io el menoât
e ur crôt ancie cumò.
Però, insomp de storie
cun dute che borie
ce sono deventâts?
BULLI DI PAESE – Facevano dispetti / prendevano in giro, offendevano / e dopo dicevano: / “La prossima che fai qualcosa / hai finito per sempre.” // Non era tanto tempo che era / morta mia madre, / che mi avevano portato / perfino in cimitero / a fare la prova di coraggio / col mostro Cernazai. // Adesso che ho quarant’anni / mi metterei a ridere, / ma quella volta ero / solo un ragazzo e non capivo. / Abituato a essere colpevole / del cancro di mia madre, e fosse // stato solo quello… // Per dir la verità / ero trascurato e facevo / lo scemo / per avere un po’ di attenzione, un estro /da trovare, o per dimenticare / e la gente gli credeva / che fossi io il deficiente / e gli crede anche adesso. // Però, in fondo a questa storia / con tutta quella boria // cosa sono diventati?
         

image_pdfimage_print
Condividi