Press "Enter" to skip to content

Nevio Spadoni

Nevio Spadoni è nato a S. Pietro in Vincoli (Ravenna) nel 1949 e dal 1984 risiede a Ravenna.

Ha pubblicato: Par su cont (Ravenna, Cooperativa Guidarello, 1985), Al voi (Ravenna, Longo, 1986), Par tot i virs (Udine, Campanotto, 1989), A caval dagli ór (Ravenna, Longo, 1991), E’ côr int j oc (Ravenna, Edizioni del Girasole, 1994), Lus. (Faenza, Moby Dick, 1995), La Pérsa (Ravenna Festival, 1999). Ha curato con Luciano Benini Sforza l’antologia Le radici e il sogno, Poeti dialettali del secondo novecento in Romagna (Faenza, Moby Dick, 1996). È inserito, tra l’altro, in La maschera del dialetto. Tolmino Baldassari e la poesia dialettale contemporanea, a cura di A. Foschi e E. Pezzi (Ravenna, Longo, 1988); La parola ritrovata. La poesia contemporanea fra lingua e dialetto a cura di E. Cipriani, A. Foschi, G. Nadiani (Ravenna, Longo, 1990); Franco Brevini, Le parole perdute. Dialetti e poesia nel nostro secolo (Torino, Einaudi, 1990); Poesia dialettale dal Rinascimento ad oggi a cura di G. Spagnoletti – C. Vivaldi (Milano, Garzanti, 1991); F. Piga, La poesia dialettale del Novecento (Milano, Piccin Vallardi, 1991); N. Lorenzini, Il presente della poesia (Bologna, Il Mulino, 1991);Via Terra. Antologia di poesia neodialettale a cura di A.Serrao (Udine, Campanotto, 1992); La poesia dialettale romagnola del ‘900, a cura di Gualtiero De Santi (Rimini, Maggioli, 1994). Nel 2007 esce, per i caratteri di Raffaelli, la raccolta Cal parol fati in ca, con la prefazione di Ezio Raimondi.
da Un zil fent
1
U ngn’éra piò bsogn d’scòrar:
l’armêri l’éra a e’ pöst
e nenca e’ vês dl’uviôla
sor’a e’ cumò.
J éra dè schélz:
te t’dgiva che la vita
l’è coma un dè
a la riséra.
Non c’era più bisogno di parlare: / l’armadio era a posto / ed anche il vaso della viola / sul comò. / Erano giorni scalzi: / tu dicevi che la vita / è come un giorno / in risaia.
2
La ngn’è piò la butéga dla Cichina
e al biciclet de’ Goz al s’è riznidi.
J è viëz ch’u i fa a mêla péna on vëc,
mo adës i scor int una fata lengva!
Bsogna argumblês burdel, bsogna argumblês,
agli è cambiêdi al röbi,
ös-cia s’agli è cambiêdi !
Int un balen l’è calê zo e’ sipêri:
ad at a sema?
Non c’è più la bottega della Cichina / e le biciclette del Goz si sono arrugginite. / Sono viaggi che a mala pena li fa uno da vecchio, /ma adesso parlano in una lingua strana! / Bisogna rimboccarsi ragazzi, bisogna rimboccarsi, / sono cambiate le cose, / accidenti se sono cambiate! / In un baleno è calato il sipario: / a che atto siamo?
         

image_pdfimage_print
Condividi