Press "Enter" to skip to content

Nicola Duberti

Nicola Duberti è nato a Mondovì nel 1969, da famiglia originaria di Viola. Ha pubblicato in poesia Varsci. Versi nel dialetto di Viola (Mondovì, Il Salice Dorato, 1996); Ënvërtojé, con presentazione di Giovanni Tesio, (Mondovì, Edizioni Ël Pèilo, 2003); Taccuino del Barbiere Chirurgo (Torino, Genesi Editrice, 2008). È presente nell’antologia Lingue di confine. Dodici poeti cuneesi a cura di Brunella Pelizza (Torino, Edizioni Torino Poesia, 2009). In prosa ha scritto Nature Morte (Mondovì, CEM, 2005). È insegnante di lettere nelle scuole medie.

Spesso salpavi per un mare chimico

ma o ch’i t’han massòte
ti l’òvi vist sciorì la muragna

e caressand o sanitr
ti stess it évi cissate a dì

che a cola spece d’ënfiorìa lì
giusta n’arbut o-j mancava, ‘n boton

na sbërlufada ‘d color, un bàtit…

E o ross o l’é ruvà, l’é stàcc në sfòrgo
e ‘l përfumé dla fió

l’é stacc col èr ëd tò stòmi e buele
spatarà su la tera

mentre che ‘l fi ëd toe còste
së storzava për semp

e le toe grime ‘d masnà maraja
i davo segn ëd buté na gëmma.

Parèj tò còrp ëntëssù con d’eva
l’é stà rëndù a la dos

për colpa giusta d’un baciass d’eva
e ‘d gome slisse ‘d màchina.

Ëncó semp l’eva, vègh-to, l’istessa
che ‘nt ël fiorì dël mur

a siava ‘n ti ògni speransa
d’un tò passì futur.

 

*

 

ma il giorno che ti ammazzarono
avevi visto fiorire il muro

e accarezzando il salnitro
tu stesso t’eri affrettato a dire

che a quella sorta di infiorescenza
giusto un boccio mancava, una gemma

una spruzzata di colore, un palpito…

E venne il rosso, fu come un lampo
ed il profumo del fiore

fu quello aspro delle tue viscere
sparpagliate per terra

mentre lo stelo delle tue costole
si incrinava per sempre

e le tue lacrime di adolescente
davano segni di gemmazione.

Così il tuo corpo intessuto d’acqua
fu ridonato alla fonte

per colpa solo di una pozzanghera
e di pneumatici viscidi.

Ancora l’acqua, vedi, la stessa
che nel fiorire del muro

falciava in te ogni speranza
di un appassire futuro.

         

image_pdfimage_print
Condividi