Press "Enter" to skip to content

Renzo Favaron

Renzo Favaron è nato a Cavarzere nel 1959, vive e lavora a San Bonifacio (Vr).

Dopo un’iniziale plaquette in lingua, uscita nel 1989, intitolata Voci d’interludio, nel 1991 pubblica in dialetto veneto Presenze e conparse (prefazione di Attilio Lolini). Nel 2003 pubblicatestamento, un’altra raccolta di poesie in dialetto (prefata da Gianni D’Elia), nel 2006 Di un tramonto a occidente e nel 2007 Al limite del paese fertile (venti anni di poesia in lingua accompagnate da tre cartelle di Alberto Bertoni). Ha collaborato con la rivista il Verri e sue poesie sono state pubblicate in tiratura limitata presso le edizioni Quaderni di Orfeo e Il ragazzo innocuo. Del 2009 è in Cualche preghiera,
terza raccolta di poesia in dialetto (Lietocolle, postfazione di Giancarlo Consonni).
Puni pare invesse che se li sia magnà tuti
i schei. L’ultima òlta che se ghemo visti,
scanbiandome pa’ cissà chi, el me gà domandà
de me papa, forse pensando ch’el fusse
‘ncora vivo o forse pa’ dimostrarme
che ghe ne inportava calcossa.
“Ben,” gò dito. E po’, zà che ghe gero,
gò zontà: “Anca se ‘desso el nostro metro,
da lu a nu, el xe fora corso”.
Se Puni chesse vu on fià de cue’o che se ciama
el me gavarìa domandà scusa,
ma sarìa sta come ametere
che el gera alcolizà.
Del male se deve dire male.
S’cuicio, so senpre mi che vago in serca,
ma a forza de sercarlo me so consumà i oci
-e co’ lo trovo, chee rare òlte
che lo trovo, no’ so mai sicuro,
cofà se no’ lo trovasse mai del tuto.
Ol d’on can, cossa me scondito,
de cossa te vergognito?
A vegno par ti,
no’ par cue’o che no’ ti-ssì.
Meco, ogni tanto el me ciamava,
ma el gera sempre… inbriago.
Parché, no ghe voeva tanto tegnere bota
come fasso mi in-te ‘sta casa
che no’ la me lassa mai vode le man
anca se la manca de tuto,
co’ sta boca che no’ la se stufa
mai de contar cofà on vecio soldà.. Invesse,
a forsa de giossi, ghe xe ‘ndà tuto pa traverso,
cussì co’ el parlava
pareva che el gavesse on masso
de ciavi in fondo a la gola,
cofà se el se ghesse tirà drìo
l’ultima porta ‘verta sul mondo.
*
Giuseppe pare invece che se li sia
mangiati tutti i soldi.
L’ultima volta che ci siamo visti,
scambiandomi per chissà chi,
mi ha chiesto come stava mio padre,
forse pensando che fosse ancora vivo
o forse per dimostrarmi che gliene
importava qualcosa.
“Bene,” ho detto. E poi, già che c’ero,
ho aggiunto: “Anche se adesso il nostro metro,
da lui a noi, è fuori corso”.
Se Giuseppe avesse avuto un briciolo di tatto
mi avrebbe chiesto scusa,
ma sarebbe stato come ammettere
di essere alcolizzato.
Del male si deve dire male.
Lorenzo, sono sempre io che vado in cerca,
ma a forza di cercarlo mi sono consumato gli occhi
-e quando lo trovo, quelle rare volte che lo trovo,
non sono mai sicuro,
come se non lo trovassi mai del tutto.
Figlio di un cane: cosa mi nascondi,
di cosa ti vergogni?
Vengo per te,
non per quello che non sei.
Domenico, ogni tanto mi chiamava,
ma era sempre… ubriaco.
Perché, non ci voleva molto parlare
come parlo io proprio adesso
in questa stanza che non lascia
mai vuote le mani
anche se manca di tutto, con questa bocca
che non si stanca mai di narrare
come un vecchio soldato. Invece, a forza
di gocci, gli è andato tutto per traverso,
così quando parlava
sembrava che avesse un mazzo
di chiavi in fondo alla gola,
come se si fosse tirato dietro
l’ultima porta aperta sul mondo.
         

image_pdfimage_print
Condividi