Scannaciucce (Mesogea, postfazione di C. Sinicco, 2019) raccoglie le poesie in dialetto di Domenico Brancale apparse nei libri: Cani e porci (Ripostes, Salerno 2001), O jacc di ll’uocchie (Porto dei Santi, Loiano 2002), Canti affilati (F. Masoero edizioni, Torino 2003) e L’ossario del sole (Passigli, Bagno a Ripoli 2007); un testo da incerti umani (Passigli, Bagno a Ripoli 2013) e alcuni inediti apparsi sulla rivista «In aspre rimE» (2018).

Scannaciucce è il nome crudele che nel dialetto lucano di Sant’Arcangelo i contadini diedero alla pianta dell’agave. Ai bordi di sentieri argillosi, le sue lunghe foglie contornate di spine ferivano con amara ferocia (scanna-re) l’asino (ciucce) al suo passaggio: una beffa della soma con la sua corona di spine imposta all’ignorante, all’idiota-poeta il cui  idioma si scandisce in ragli, come una voce  che dal silenzio si allarga e si sgrana fino allo strazio. Intendere il raglio è l’esperienza del «non c’è niente da dire, niente da fare» e non c’è che questo niente in cui credere e gettarsi, là dove la parola poetica si dice e si scrive nel tremore di un fallimento, nella luce smarrita di un corpo che muore e di un altro che nasce. Intendere il raglio è riscoprire la propria identità nell’altro, scoprire nel volto umiliato della bestia l’invisibile divino.

Proponiamo per i lettori di Argo una selezione di testi scelti da Fabio Orecchini.

 

***

Non ho più la forza di pensare.

 

No ’mma fìue a ’cchiù di pinzà.

 

***

Sulla terra del Calvario

le parole erano tante crepe

e non c’era angolo di bianco

dove la mia anima

non si fosse rivoltata

Adesso grido

poi zitto

poi io.

 

Sop’ ’a terre du Calvarie

o chiàcchiere i’èrene tanta jacc

e no’ ng’ère pìzzile de jang

andò ll’anema mije

non s’avìje arrevuletàte

Mó gride

pò’ citte

pò’ i.

 

***

 

Solo una fra queste parole

conficcate nella terra

ha i segni dell’agave

forse deve essere perché

ha la foia di tagliare i pensieri

sull’orlo della lingua

 

Guna ndutte mmienz’a ssi parole

mburchiàte nd’ ’a terre

téne o segne d’u scannaciucce

mbàreche add’ ’a i’èsse picché

tén’ ’a monde di jaccà o pinziere

mbizz’a lenghe

 

***

 

Ora che non sono più io

la luce nello sciame del buio

acceca pure la notte

lì sotto

Siamo dove non dovremmo essere

feriti all’improvviso

dalle lusinghe del nulla

da tutta questa smania di dire

e non morire

 

Mó ca non sòo a cchiù i

’a luce nd’u ssame du nìhure

’ngicanèie pure ’a notte

llà sotte

Sìme andò non avèsseme a i’èsse

lazzarijàte a lla sicurdune

d’ o tantazzione d’u niente

da tutte ssu gulisce di dice

e no’ murì

 

***

 

Nella grotta la lingua oscilla

appesa ai pensieri

ed è la voce

la fune che strozza

quando tradisco per nome le cose

 

Nd’ ’a grutte ’a lenghe tremmelèie

appinzilàte a lle pinziere

e i’è ’a voce

’a zoche c’affòche

quanne chiàme ppi nome o cose

 

***

Domenico Brancale, poeta e performer, nato in Basilicata nel 1976. Ha pubblicato: L’ossario del sole (Passigli, 2007), Controre (Effigie, 2013), incerti umani (Passigli, 2013), Per diverse ragioni (Passigli, 2017), e Scannaciucce (Mesogea,2019) che raccoglie tutti i suoi testi in dialetto. Ha curato il libro Cristina Campo in immagini e parole, e tradotto Emil Cioran, John Giorno, Henri Michaux, Claude Royet-Journoud, Giacinto Scelsi. Da qualche anno è uno dei curatori della collana di poesia straniera «Le Meteore» per Effigie e «Prova d’Artista» per la Galerie Bordas. Vive a Bologna e a Venezia.

Scannaciucce Brancale Materre
Da MaTerre2019