Press "Enter" to skip to content

Stefano Moratto

Stefano Moratto è di Morsano al Tagliamento. Scrive in poesia e in prosa, prevalentemente in friulano. Ha fatto parte del gruppo di poesia Majakovskij, dell’esperienza di Usmis (movimento di culture rivoluzionarie friulane e planetarie) e, dalla metà degli anni ’90 del collettivo poetico dei “Trastolons”. Ha scritto in varie riviste ed appare in più antologie, ha partecipato a numerose performance. Ha pubblicato: Tons trastolons, poets cence leç par une lenghe caraibiche (1998; con i Trastolons), Tananai (2001; con i Trastolons), Donald dal Tiliment (2001), romanzo. Nel 2007 è stato sceneggiato per un radiodramma trasmesso dalla rai regionale Mugulis. I ultins piratis dal Tiliment (2005) che ha realizzato assieme a Giorgio Cantoni: il video ambientato a San Paolo al Tagliamento ed è risultato vincitore della Mostre dal Cine Furlan. Alcuni poesie sono state musicate da vari gruppi musicali, come i Kossovni Odpadki, i ‘Zuf de Žur, la Bande Zingare, gli Arbe Garbe. Nel 2010 ha pubblicato Isulis, Kappavu Edizioni.

da Isulis
Soi sicu scois i ultins dius a stan
lontan da la rive, tal sbosar mâr
vernadi, fis in curints di fumate
che no ju plate a voli uman
A spietin il rivâ di curts vivôrs:
la dissipline cunvinte da blave
il lâ sturnît e clop di un fasan
la netisie liparose di ue sborfade
Nuie plui no àn di regalâ
te lôr mude soledât di mâr
se no il lôr non restât cemce leam
Vieli len za disfueât
grop pustot di venc o di morâr
Soli come scogli gli ultimi dei stanno/ lontano dalla riva, nello sterile mare/ invernale, assorti in correnti di nebbia/ che non li nasconde a occhio umano/ Attendono l’arrivo di brevi rigoglii:/ la disciplina convinta del mais/ l’incedere stordito e malfermo di un fagiano/ l’integrità velenosa di uva trattata// Non hanno più nulla da regalare/ nella loro muta solitudine marina/ se non il loro nome rimasto senza rinvio// Vecchio legno già spoglio/ nodo vuoto di vimine o di gelso
         

image_pdfimage_print
Condividi