Press "Enter" to skip to content

Ugo Pierri

Ugo Pierri, è uno degli artisti più originali del dopoguerra triestino. Nato nel 1937, ha frequentato da giovane il celebre salotto di Anita Pittoni e Giani Stuparich in Via Cassa di Risparmio, per poi intraprendere una strada solitaria, lontano dai salotti borghesi della città.

La sua produzione in versi (resa edita soltanto a partire da una decina di anni fa), per lo più satirica e firmata da numerosi pseudonimi, ad oggi è la seguente: Aiku lokali, Milano, Terziaria, 1996; Football Party, Trieste, Battello stampatore, 1996 (con racconti di Vittorio Cozzoli, Sergio Serra, Roberto Weber); Noi parrocchiani, Trieste, Battello stampatore, 1997; La gabbia del pane. Racconto di un fannullone, Trieste, Battello stampatore, 1999; Icaro depennato. Racconto ospedaliero, Trieste, Battello stampatore, 2001; Mamie blu, Milano, Terziaria, 2001 (con poesie di Paolo Speri -Taf). Sempre per Battello Stampatore, nel 2005 In JHS we trust, in JVD we must, e nel 2011, Ossetia.
da Aiku lokali 
visto de sera
el porto par un alvear
de soli fuchi
[…]
paròn de casa
el se impinissi el cul
prestando bori
 […]
no voio basar
linguete de vipera
nè labri fini
tuti gavemo
gabie, anca chi doma
bestie feroci
più vecio te son
più stagioni de piombo
vedi i tu oci
 […]
poeti, santi
navigatori, mati
imprenditori
no solo de pan
ma anche de pesse
vivi el cristian
da Mamie blu
me contava mama che Santa Rita
se ciamava la ceseta
dove che la pregava
per capir se iera meio
tignirme o abortir
un sotoscala de Vasari
povero per poveri
un quadratin de incenso
picio
estate bojo inverno jazzo
la me portava zà grandeto
a pregàr che iero vivo
e che gavevo un teto
mi raccontava la mamma che Santa Rita / si chiama la chiesetta / dove pregava / per capire se era meglio / tenermi o abortire //  un sottoscala di via Vasari / povero per poveri / un quadrato di incenso / piccolo / d’estate caldo d’inverno ghiaccio / mi portava che ero già grande / a pregava che ero vivo / e che avevo un tetto
Note: Santa Rita: altarino della Sacra Famiglia, sottoscala adibito dopo la guerra a chiesa, in Via Vasari a Trieste
         

image_pdfimage_print
Condividi